martedì 8 ottobre 2019

L'ANALISI - "Nel mondo dell' auto in questi anni è cambiato tutto meno il modo di venderla": lo diceva Henry Ford...

Come si vince la diffidenza dei clienti che non comprerebbero mai una Ford? Questo l’interrogativo a cui Ford nel 1993 cercò di rispondere con l’operazione “Soddisfatti o rimborsati”. Fu lanciata così una campagna promozionale basata sull’idea di dare la possibilità ai clienti di restituire l’auto e cambiarla con un'altra entro trenta giorni o mille chilometri di percorrenza dalla data di acquisto.
Fu una piccola rivoluzione perché questa formula – negli Usa abbastanza diffusa – da noi in Europa era del tutta inedita e sostanzialmente introduceva nel mondo dell’auto concetti di marketing cari al settore delle vendite porta a porta.

Ford d’altra parte non può sottrarsi da innovare nel settore delle vendite: fu lo stesso Henry Ford II a dare il via a una perenne rivoluzione con la famosa frase "Nel mondo dell' auto in questi anni è cambiato tutto meno il modo di venderla", poi divenuta presto una specie di slogan.

Questa idea all’epoca venne presentata come una concreta dimostrazione della continua ricerca di frontiere avanzate per la soddisfazione del cliente anche se per il momento Ford puntava comunque moltissimo sul rapporto prezzo-equipaggiamento sempre più elevato, magari con l' adozione più estesa dell'air bag.