lunedì 6 maggio 2019

Noleggio Lungo Termine, la fotografia del settore

Si chiude in rosso il mese di marzo per il noleggio a lungo termine, ma la perdita è piuttosto contenuta: la differenza con lo stesso mese dello scorso anno è infatti solo del 5%. Le immatricolazioni del primo trimestre, invece, diminuiscono del 10,9% rispetto allo stesso periodo del 2018, con tutti i player sono in calo, tranne Arval, che registra un aumento del 9,6 e conquista il 19,5% delle quote di mercato NLT.

Immatricolazioni di marzo 2019: 34.123 veicoli. Immatricolazioni marzo 2018: 32.323. Differenza: - 5%.
Primo trimestre 2019: 84.075 immatricolazioni. Primo trimestre 2018: 94.369 immatricolazioni. Differenza: -10,9%.


1. Arval 2.826 immatricolazioni
2. Leasys 2.234 immatricolazioni
3. ALD Automotive 1.324 immatricolazioni
4. LeasePlan 1.114 immatricolazioni
5. SIFA' 777 immatricolazioni.

Abbiamo chiesto ad Alessandro Borrelli, amministratore unico di Noleggio Semplice SRL, quali sono le principali motivazioni di questo mercato altalenante:
"Il 2019 per il comparto automotive è partito con una forte dose di incertezza, dovuta principalmente alla “demonizzazione”dei diesel da un lato e al ristagno economico i cui primi sintomi erano sopraggiunti a fine 2018.

In questo clima Noleggio Semplice ha saputo scegliere il giusto mix di offerte su vetture ibride, gpl e benzina per permettere ai suoi clienti di affrontare la transizione energetica con canoni molto vantaggiosi, anticipando i suoi principali competitor che hanno affrontato il tema con ritardo. Per quanto riguarda il primo trimestre 2019, le battute di arresto di alcune società derivano dalla volontà di aumentare i margini e contemporaneamente da alcune difficoltà nella gestione del rischio. Anche in questo caso ci siamo strutturati nel corso del 2018 per conoscere sempre meglio i nostri potenziali clienti, consigliandoli anche dal punto di vista finanziario in modo da creare offerte di noleggio economicamente sostenibili per loro nell'arco dell’intera durata del contratto. Per sintetizzare il ragionamento: oggi non basta creare delle offerte allettanti ma è necessario concordare con il cliente una soluzione che possa davvero incontrare le sue esigenze non solo di mobilità ma anche economiche. Infine abbiamo raggiunto degli ottimi risultati nel mercato degli Lcv grazie ad alcune strette collaborazioni che ci hanno permesso di offrire un’ampia gamma di veicoli con allestimenti personalizzati a canoni davvero vantaggiosissimi."